Il lavoro di Teatri 35 nasce dalla convinzione che l’arte sia un importante strumento di inclusione sociale. 
La compagnia considera il teatro e l’arte in genere un bene culturale e, riconoscendo a questa attività un valore anche di servizio sociale, pone come scopo statutario la pratica, la diffusione e la promozione della cultura e dell'arte teatrale. Teatri 35 mantiene rapporti con organizzazioni nazionali e internazionali che hanno per scopo la diffusione e la promozione della cultura teatrale e collabora attivamente con Centri Culturali, Istituti di Formazione e Musei che hanno il fine di contribuire alla salvaguardia e alla continuità di beni patrimoniali e culturali tangibili.

La compagnia ha realizzato performance in diversi Istituti Museali tra cui: Il Museo di Palazzo Lanfranchi - Museo Nazionale d’Arte Medioevale e Moderna della Basilicata (MT), Palazzo Zevallos Stigliano (NA), Rocca Malatestiana - Santarcangelo di Romagna (RN), Museo Diocesano (SA), Museo Diocesano (NA), Palazzo Reale di Napoli, Complesso Monumentale di San Lorenzo Maggiore (NA), Palazzo Non Finito-Museo di Storia Naturale (FI). Riservando particolare attenzione all’infanzia e all’adolescenza, attualmente la compagnia propone, in collaborazione con Coop Culture, presso la Cappella Palatina di Palazzo Reale di Napoli uno spettacolo di Tableaux Vivants che ripropone dal vivo alcune delle straordinarie tele presenti nella quadreria del Palazzo.

La compagnia, essendo gli attori anche operatori d’infanzia certificati, lavora anche progetti di arte-educazione con minori in contesti di disagio sociale e vanta in questo campo un’esperienza decennale.

Teatri 35 ha sviluppato e prodotto iniziative culturali e sociali quali: